Porta antica classica arreda interno

Porta antica classica in noce inserita in un interno

Finalmente sono in grado di mostrarvi come questa porta antica in noce nazionale, intagliata a losanghe, può arredare un interno classico contemporaneo; i miei clienti Alessia e Mariano con l’amore per l’antico, hanno collocato la porta per chiudere una nicchia, una specie di armadio a muro o dispensa in zona living.

Porta antica in noce arreda interno classico contemporaneo

Porta antica in noce

Il sovrapporta in noce posto in alto la integra e perfeziona.

Potrete se vorrete vedere e leggere altre foto e notizie riferite a questa porticina antica in noce a losanghe. 

Armadio antico in shabby chic naturale

Da vecchio armadio a nuovo mobile in shabby

Ecco come per Marcella e Mattia, per la camera della Loro bimba che stà per nascere, ho trasformato un armadio antico in shabby chic naturale.

Armadio in shabby

Armadio trasformato in shabby chic

Il colore scelto da Marcella doveva essere tenue, pastello, e la Shabbatura lievissima.

Se vorrete altre informazioni e vedere le foto di come era l’armadio prima della trasformazione, potrete vederle nella galleria specifica dell’armadio antico trasformato in shabby chic naturale

Comò antico in Delabrè

In Delabrè, ogni imperfezione diviene trend poichè ogni imperfezione è il valore aggiunto, và esaltata, evidenziata, glorificata. Muri, pareti, pavimenti e mobili devono essere scrostati, apparentemente trascurati, dimenticati, abbandonati, puliti e fissati nelle loro caratteristiche attuali, senza restauri perfettini a tutti i costi, alimentando quella sensazione di vissuto e di tempo così tangibilmente trascorso. Sopratutto a contatto col moderno questa ricercata trascuratezza crea un contrasto, un effetto ed una suggestione. E’ il caso di Marianna e Simone che in un appartamento mansardato con molte travi legno a vista e parquet, hanno voluto con il colore ed il Delabrè realizzare un contrasto netto molto arredativo; un comò antico in noce trasformato in Delabrè sì, ma un Delabrè misurato ad hoc per Loro, nella tonalità dell’azzurro e nella calibrata usura e consumo che passo passo hanno con me definito, guardato, segno per segno, mantenendo sempre l’attenzione per l’aspetto essenziale, quello dell’oggetto in rovina, abbandonato. Diceva Marilyn Monroe “L’imperfezione è bellezza”.

Comò trasformato in Delabrè

Un comò antico trasformato in stile Delabrè

Se vorrete potrete leggere e vedere altre foto relative a questo intervento di trasformazione di un comò antico in stile Delabrè.

Porta antica laccata e dorata

Come trasformare una vecchia porta laccata 

Una porta antica liberty che la cliente ha voluto venisse rilaccata a mano solo a pennello in verde e con filetto realizzato a foglia d’oro; praticamente la porta antica è diventata completamente diversa da come era, molto luminosa, adatta ad interni diversi anche moderni e verrà accompagnata a porte antiche dello stesso colore.

Porta antica rilaccata in altro colore

Porta antica laccata e dorata nei colori voluti dalla cliente

Se vorrete leggere altro di questo intervento e vedere altre foto le potrete vedere nella specifica galleria della porta antica rilaccata e dorata.

Porte antiche interno moderno minimalista

Porte antiche in interni moderni

Milena e Filippo per la loro ristrutturazione hanno voluto inserire delle porte antiche restaurate “matericamente” cioè in modo esasperatamente conservativo facendo sì che emerga solo la materia e le caratterizzi senza aggiunte, abbellimenti e perfettismi; solo la materia della quale sono costituite le porte mantenendo ed evidenziando in aggiunta ciò che ha fatto il tempo, l’uso, il consumo. Le porte sono inserite in un contesto moderno essenziale minimalista dove emergono in mezzo a brillanti pavimenti in microcemento  modernissimo.

Porta antica restaurata matericamente

Porta restaurata per interno moderno

Se vorrete potrete leggere di più di questo intervento e vedere altre foto di queste porte antiche restaurate in modo materico.

Maestà diventano testiere da letto

Da Maestà di porte antiche a testiere da letto

Alexia, amica e cliente, ha pensato di riusare 2 Maestà originali appartenenti a 2 porte laccate con vetri dipinti per farci le testiere del Loro letto e guardate che spettacolo!

Maestà di porte come testiere

Come Alexia ha riusato 2 maestà come testiere

 

Le ha ben collocate, fissate e completate con un fusto scanalato che riprende la scanalatura della stessa Maestà;  davvero un’ottima idea. Potrete vedere le Maestà sulle porte antiche laccate prima del riuso.

Portone antico toscano restaurato

Restauro di portone antico toscano

Un altro portoncino rustico antico toscano è stato restaurato ed è pronto per arredare interni di tendenza o per completare un esterno; in questo caso andrà montato come scorrevole per arredare l’esterno di una struttura in metallo e vetro a Forte dei Marmi.

 

Portone antico rustico

Un portoncino antico rustico toscano restaurato

Restauro esasperatamente conservativo, attenzione straordinaria per i segni e le mancanze pregresse per trasformarle in valore aggiunto, per rendere le macchie e le imperfezioni valore, pregio, punto di forza ed innegabile strumento arredativo di tipo materico. Pulitura e restauro eseguito con solo sostanze naturali senza solventi, allungamento e rifacimento parti, finitura opaca. In questa news potrete vedere altri esempi di portoni antichi materici impiegati per arredare interni ed esterni mentre nella galleria specifica vedrete questo portoncino rustico antico prima del suo restauro.

Materia grezza e pensiero individuale

opera ricavata da materiale recuperato

“Grovigli” opera ricavata da materia recuperata

Divertirsi col Riuso

“ Ho pensato fosse interessante dare visibilità ed informarVi di una cosa carina; ho scoperto, in termini di riuso artistico di ciò che esiste, che c’è chi cerca e trova qualcosa a costo zero, diverte, si diverte ed arreda, e che queste persone in modo del tutto gratuito, cercano, scovano, recuperano, inventano ed espongono, ripeto, assolutamente gratis! Si tratta di Giuseppe di Modena che conosco casualmente ed il quale, dopo avergli detto cosa faccio, mi espone quello che fanno assieme al Suo amico Luca ed al Loro gruppo. Mi racconta che vanno lungo le rive del fiume Secchia e cercano quello che li colpisce, che può essere trasformato in altro, quello che può far parlare la gente, che può comunicare e rappresentare inaspettatamente delle cose o assomigliare a qualcos’altro. Pertanto raccolgono sassi che ricordano animali, rami e radici che sembrano corpi umani, frammenti di legno che assomigliano a sirene, ecc.ecc. Li puliscono, colorano, trattano al meglio e poi li espongono per esempio presso una libreria per dare un aiuto a richiamare gente, oppure organizzano mostre in contesti di solidarietà, e incredibile, ma vero, meravigliano la gente quando questa chiede “Scusi cosa costa questo sasso?” Loro rispondono, “Non è in vendita, lo regaliamo,lo prenda pure…”

Mi è sembrato tutto questo un mix di messaggi educativi…restauro e riuso, scoperta avventurosa di oggetti naturali a costo zero, donazione e solidarietà, gratuità assoluta ed altruismo. Giuseppe mi dice anche…Noi facciamo tutto questo perché vogliamo solo che la gente, attraverso questi oggetti, parli…sì, la gente Vittorio non parla più! Non potevo non destinare un piccolo spazio a Loro, sono esempi, se lo meritano! “

I Loro contatti: 

-pagina FB: https://www.facebook.com/condividendocasalgrande/  

oppure @condividendocasalgrande

-profilo FB: https://www.facebook.com/con.dividendo.33

oppure:Con-dividendo Collettivo

-ISTAGRAM: con.dividendo

-YOUTUBE: https://www.youtube.com/channel/UCHfhSleNuani4So_GUPrKDQ

oppure: con.dividendo arte concettuale dinamica

Giuseppe(Pino): 347 719 5572  Luca: 348 272 1411

Banco da lavoro antico diventa tavolo da pranzo

ANTICO PIANO DI UN BANCONE TORNA AD ESSERE BANCONE DA LAVORO

Emmanuele, un simpatico maestro, si era innamorato di un antico banco da lavoro visto sul mio sito, che avevo restaurato in modo conservativo, ma con un tocco di stile industriale, date le aggiunte di elementi in ferro arrugginito. Prima mi chiese se ne avevo uno da vendergli, poi fortunatamente trovò da un simpatico professore in pensione toscano il piano, sì il solo piano di un banco antico. Me lo fece pervenire in bottega e si raccomandò di “farglielo” con lo stesso sapore industrial e con un restauro molto conservativo. Voleva farne il tavolo da pranzo e cucina, anche se stretto, che doveva servire Lui ed Alexandra.

Dettaglio elementi in ferro

Elementi in ferro industrial style

Pulitura attenta senza rimuovere i segni del tempo e solo con sostanze atossiche, pezze nelle zone in cui c’erano mancanze, ma pezze rigorosamente nello stesso stile del piano antico, poi le gambe realizzate con travetti antichi. L’ Allargamento avevamo deciso di coprirlo con lamiera antica arrugginita come pure in ferro ho fatto delle piccole copertine in fondo alle gambe, come fossero dei parastinchi fissati con chiodi antichi fatti a mano. La finitura rigorosamente opaca.

Se vorrete potrete leggere e vedere in questa galleria altre foto di questo intervento del piano di un banco antico diventato tavolo da pranzo.

 

 

Portone vecchio cantina

Vecchio portone sardo della cantina, in ferro e legno

Irene e Max, dalla Sardegna, mi hanno inviato anche questo portone da cantina, tutto in ferro e legno; la preghiera è stata quella, di tendenza, di non rimuovere i segni, le tracce prodotte dal tempo e dagli U.V, ma di salvarli, trasformarli in manifestazioni e simboli, renderli valore aggiunto, non perseguendo il restauro “perfettino”, senza aggiungere apporti personali, salvando il salvabile con rispetto ed attenzione per la materia e per le trasformazioni che l’hanno interessata. Un restauro disciplinato non empirico che si basa sulla volontà del cliente di conservare tutto, il più possibile.

Vecchio portone di cantina

Un vecchio portone di cantina sardo

L’ho reso attentamente e fedelmente pulito, ho esaltato le sfumature dei vari toni cromatici del colore verde, evidenziato il verde Veronese che era il più presente. Ho lasciato le mancanze di colore e fatto trasparire la venatura del legno dolce sottostante, come la ticchiolatura di ruggine che fà tanto stile industriale e che ci ricorda la spontaneità di un fenomeno naturale che ha come interpreti solo acqua e ferro, che io ho solo reso coerente e compatta. Quella ruggine che io ho solo pulito, l’ho fissata, difesa e portata alla luce. 

Il restauro adesso è concepito e richiesto così, esasperatamente conservativo, di mantenimento e tutelare, con un occhio attento alle tendenze o stili imperanti, lo stile Industriale, lo stile Dèlabrè e lo stile Rustrial.

Se vorrete potrete leggere e vedere altre foto relative a questo intervento di restauro conservativo nella galleria specifica del Portone vecchio di cantina restaurato