SHABBY CHIC; COME CREARLO SU MOBILI E PORTE.

E’ un mio articolo apparso su DonnaIn, un bel magazine online;  riproponevo questo semplice tutorial per chi vorrebbe fare lo shabby da solo, certo era un modo  semplice e non professionale(io uso solo pitture naturali) per shabbare, ma era pur sempre un aiuto per il lettore…purtroppo non posso riproporvelo  in quanto il sito in questione è stato visibile fino a poco tempo fà ed ora non lo è più.

 

 

Maestà diventano testiere da letto

Alexia, amica e cliente, ha pensato di riusare 2 Maestà originali appartenenti a 2 porte laccate con vetri dipinti per farci le testiere del Loro letto e guardate che spettacolo!

Maestà di porte come testiere

Come Alexia ha riusato 2 maestà come testiere

 

Le ha ben collocate, fissate e completate con un fusto scanalato che riprende la scanalatura della stessa Maestà;  davvero un’ottima idea. Potrete vedere le Maestà sulle porte antiche laccate prima del riuso.

Portone antico toscano restaurato

Un altro portoncino rustico antico toscano è stato restaurato ed è pronto per arredare interni di tendenza o per completare un esterno; in questo caso andrà montato come scorrevole per arredare l’esterno di una struttura in metallo e vetro a Forte dei Marmi.

 

Portone antico rustico

Un portoncino antico rustico toscano restaurato

Restauro esasperatamente conservativo, attenzione straordinaria per i segni e le mancanze pregresse per trasformarle in valore aggiunto, per rendere le macchie e le imperfezioni valore, pregio, punto di forza ed innegabile strumento arredativo di tipo materico. Pulitura e restauro eseguito con solo sostanze naturali senza solventi, allungamento e rifacimento parti, finitura opaca. In questa news potrete vedere altri esempi di portoni antichi materici impiegati per arredare interni ed esterni mentre nella galleria specifica vedrete questo portoncino rustico antico prima del suo restauro.

Materia grezza e pensiero individuale

“Grovigli” opera ricavata da materia recuperata

 

“ Ho pensato fosse interessante dare visibilità ed informarVi di una cosa carina; ho scoperto, in termini di riuso artistico di ciò che esiste, che c’è chi cerca e trova qualcosa a costo zero, diverte, si diverte ed arreda, e che queste persone in modo del tutto gratuito, cercano, scovano, recuperano, inventano ed espongono, ripeto, assolutamente gratis! Si tratta di Giuseppe di Modena che conosco casualmente ed il quale, dopo avergli detto cosa faccio, mi espone quello che fanno assieme al Suo amico Luca ed al Loro gruppo. Mi racconta che vanno lungo le rive del fiume Secchia e cercano quello che li colpisce, che può essere trasformato in altro, quello che può far parlare la gente, che può comunicare e rappresentare inaspettatamente delle cose o assomigliare a qualcos’altro. Pertanto raccolgono sassi che ricordano animali, rami e radici che sembrano corpi umani, frammenti di legno che assomigliano a sirene, ecc.ecc. Li puliscono, colorano, trattano al meglio e poi li espongono per esempio presso una libreria per dare un aiuto a richiamare gente, oppure organizzano mostre in contesti di solidarietà, e incredibile, ma vero, meravigliano la gente quando questa chiede “Scusi cosa costa questo sasso?” Loro rispondono, “Non è in vendita, lo regaliamo,lo prenda pure…”

Mi è sembrato tutto questo un mix di messaggi educativi…restauro e riuso, scoperta avventurosa di oggetti naturali a costo zero, donazione e solidarietà, gratuità assoluta ed altruismo. Giuseppe mi dice anche…Noi facciamo tutto questo perché vogliamo solo che la gente, attraverso questi oggetti, parli…sì, la gente Vittorio non parla più! Non potevo non destinare un piccolo spazio a Loro, sono esempi, se lo meritano! “

I Loro contatti: 

-pagina FB: https://www.facebook.com/condividendocasalgrande/  

oppure @condividendocasalgrande

-profilo FB: https://www.facebook.com/con.dividendo.33

oppure:Con-dividendo Collettivo

-ISTAGRAM: con.dividendo

-YOUTUBE: https://www.youtube.com/channel/UCHfhSleNuani4So_GUPrKDQ

oppure: con.dividendo arte concettuale dinamica

Giuseppe(Pino): 347 719 5572  Luca: 348 272 1411

Banco da lavoro antico diventa tavolo da pranzo

Emmanuele, un simpatico maestro, si era innamorato di un antico banco da lavoro visto sul mio sito, che avevo restaurato in modo conservativo, ma con un tocco di stile industriale, date le aggiunte di elementi in ferro arrugginito. Prima mi chiese se ne avevo uno da vendergli, poi fortunatamente trovò da un simpatico professore in pensione toscano il piano, sì il solo piano di un banco antico. Me lo fece pervenire in bottega e si raccomandò di “farglielo” con lo stesso sapore industrial e con un restauro molto conservativo. Voleva farne il tavolo da pranzo e cucina, anche se stretto, che doveva servire Lui ed Alexandra.

Dettaglio elementi in ferro

Elementi in ferro industrial style

Pulitura attenta senza rimuovere i segni del tempo e solo con sostanze atossiche, pezze nelle zone in cui c’erano mancanze, ma pezze rigorosamente nello stesso stile del piano antico, poi le gambe realizzate con travetti antichi. L’ Allargamento avevamo deciso di coprirlo con lamiera antica arrugginita come pure in ferro ho fatto delle piccole copertine in fondo alle gambe, come fossero dei parastinchi fissati con chiodi antichi fatti a mano. La finitura rigorosamente opaca.

Se vorrete potrete leggere e vedere in questa galleria altre foto di questo intervento del piano di un banco antico diventato tavolo da pranzo.

 

 

Portone vecchio cantina

Vecchio portone sardo della cantina, in ferro e legno

Irene e Max, dalla Sardegna, mi hanno inviato anche questo portone da cantina, tutto in ferro e legno; la preghiera è stata quella, di tendenza, di non rimuovere i segni, le tracce prodotte dal tempo e dagli U.V, ma di salvarli, trasformarli in manifestazioni e simboli, renderli valore aggiunto, non perseguendo il restauro “perfettino”, senza aggiungere apporti personali, salvando il salvabile con rispetto ed attenzione per la materia e per le trasformazioni che l’hanno interessata. Un restauro disciplinato non empirico che si basa sulla volontà del cliente di conservare tutto, il più possibile.

Vecchio portone di cantina

Un vecchio portone di cantina sardo

L’ho reso attentamente e fedelmente pulito, ho esaltato le sfumature dei vari toni cromatici del colore verde, evidenziato il verde Veronese che era il più presente. Ho lasciato le mancanze di colore e fatto trasparire la venatura del legno dolce sottostante, come la ticchiolatura di ruggine che fà tanto stile industriale e che ci ricorda la spontaneità di un fenomeno naturale che ha come interpreti solo acqua e ferro, che io ho solo reso coerente e compatta. Quella ruggine che io ho solo pulito, l’ho fissata, difesa e portata alla luce. 

Il restauro adesso è concepito e richiesto così, esasperatamente conservativo, di mantenimento e tutelare, con un occhio attento alle tendenze o stili imperanti, lo stile Industriale, lo stile Dèlabrè e lo stile Rustrial.

Se vorrete potrete leggere e vedere altre foto relative a questo intervento di restauro conservativo nella galleria specifica del Portone vecchio di cantina restaurato

Portone antico; restauro di tendenza

Portone antico restaurato rispettando fortemente il suo stato attuale

Irene e Max per la loro casa immersa nella campagna Sassarese inserita nel verde, hanno scelto questo portone antico in noce nazionale, ma non hanno voluto rimuovere le tracce della coloritura precedente tendente al marrone, anzi l’hanno voluta mantenere ed evidenziare assieme alla splendida noce nazionale che affiorava come a pretendere discretamente di esserci. Nessuna carteggiatura, nessuna sverniciatura, solo difesa ed evidenziazione di ciò che è rimasto, un restauro naturale al massimo, senza apporti personali e tanto rispetto per ciò che la natura ha prodotto con le intemperie.

Portone antico restaurato matericamente

Antico portone restaurato secondo tendenza

Se vorrete potrete leggere e vedere altre foto relative a questo intervento nella galleria specifica dei portoni antichi  partendo da questa prima pagina e foto relativa alle borchie originali fatte a mano.

 

Porta antica fatta a mano usata come scorrevole

Una porta rustica in pioppo fatta a mano da un contadino, che volendola il cliente, usare come porta scorrevole raso muro col mio kit, ho dovuto allargare ed allungare portandola alla misura voluta. Chiude un bagno come potete vedere dalla foto:

 

Potrete vedere altre foto o avere altre notizie relative a questo intervento nella specifica galleria di restauro e trasformazione di porta antica in scorrevole

 

 

 

 

Porte antiche in noce intagliate a mano, a losanghe

Due porte antiche intagliate, del ‘700

Una delle mie ultime scoperte, 2 porte antiche provenienti dalla Lombardia e certamente di bottega lombarda, una più grande, l’altra piccolina, del ‘700, in noce nazionale chiara, ovviamente intagliate a mano; l’intaglio è quell’attività che consiste nel rimuovere, mediante l’utilizzo di appositi strumenti come le sgorbie(scalpelli) e mazzuoli, materia dal legno al fine di creare opere d’arte. Si partiva da un disegno su legno e si ricavava in incavo o in rilievo ciò che era stato commissionato. Classiche, eleganti, una magari da posare come porta tra cucina e sala e l’altra a chiudere una nicchia murale per contenere servizi di porcellana o libri. Due sorelline esclusive, eleganti, espressione della cultura Italiana del passato.

Antica porta in noce nazionale intagliata a mano a losanghe

Antica porta in noce nazionale intagliata a mano a losanghe

 

Se vorrete le potrete apprezzare nella galleria specifica dedicata a queste 2 porte antiche intagliate a losanghe deliziose, e la più piccola può anche essere allungata.

Fregi antichi per porte

Ho deciso date le richieste frequenti, di creare una galleria sul mio sito specifica per sovraporta o sopraporta, cioè fregi o cimase in legno o metallo, con qualsiasi finitura, laccate, legno a vista, dorate o argentate a foglia o shabby, ma quando in legno dovranno essere e saranno rigorosamente antiche o vecchie e non riprodotte con pantografi o con pasta di legno, solo fatti a mano, intagliati, incisi. I fregi e le cimase sono ideali per adornare in alto sulla parete una porta vecchia o antica, la completano, la “vestono”.

Fregio dorato a foglia d'oro.

Questo è un esempio…Un fregio dorato da me a foglia d’oro perfeziona, rifinisce ed arricchisce la porta antica laccata; nella galleria specifica dei fregi antichi troverete fregi e cimase di varie forme e finiture adatti ad integrare una porta vecchia o antica. 

 

Portoni antichi arredamento interni

Portoni vecchi ed antichi e portoncini esterni per arredare interni

E’ il trend, ormai i portoni esterni vanno sempre più e sopratutto all’interno, per dividere nella continuità, per esempio il soggiorno dalla cucina, cercando il fascino speciale che il portone antico ambientato in una casa moderna dona in modo esclusivo. Per questo ho dovuto creare una galleria specifica tra i portoni antichi riservata proprio a questa tendenza. Queste parole di ricerca sono nella casella di ricerca SEARCH del mio sito, la ricerca più frequente; portoni e portoncini di ogni tipo rustici, materici, in stile industriale, molto logorati e portoni di ferro, ma portoni e portoncini vecchi o antichi non porte come si faceva una volta. Molti gli esempi possibili di riutilizzo di portoni esterni per arredare, per esempio per costruire intorno al portone come scorrevole lo spazio living come ha fatto Wouter di Roma, oppure come ha fatto Roberta di Parma che ha montato un portone come scorrevole mantenuto rigorosamente com’era e ci ha chiuso una nicchia in sala. 

1) Portone antico stalla restaurato e collocato. 

Oppure questo portoncino toscano antico molto usurato in foto quì sopra, restaurato in modo conservativo al massimo e collocato da Marco nella Sua casa di Argenta. E ancora sotto, questo collocato nonostante fosse corroso dall’acqua piovana e proprio per questo suo essere sfibrato, montato come portone in interno classico per realizzare e sfruttare la sua opposizione all’eleganza ed arredare.

3) Portone antico esterno restaurato e collocato in un interno per arredare

Come questi sopra, anche questo sotto, un portoncino piccolino deliziosamente trasformato dai raggi del sole sino trasformarsi in un’altra cosa, quasi un monumento alle sfumature naturali che acquista un colore nel tempo.

17) Portoncino antico rustico per interni 

E questo portone quì sotto che i miei clienti inglesi volevano buttare e che invece adesso è un portone antico invita ad entrare nella zona living dall’ingresso e che arreda semplicemente ma più di un mobile!?

Portone antico restaurato(vista frontale).

Oppure questo portoncino rustico, usurato, materico, restaurato con rispetto e senza aggiungere nulla di mio, che Antonella di Asti, dopo averla ascoltata e dopo aver capito come doveva essere la porta che voleva Le ho proposto facendola innamorare al punto di dirmi “questa è la mia porta” e che collocherà tra quattro porte bianche moderne di tendenza, nell’ingresso.

Il portone antico esterno restaurato pronto per arredare un interno

E quest’altro sotto? Portone antico nato originariamente come scorrevole, tanto che sotto ha ancora le rotelline che scorrevano su un binario di ferro, in castagno, laccato ancora in colore originale ocra gialla e che potrebbe diventare porta scorrevole raso muro tra zona giorno e cucina, oppure chiudere la cabina armadio. Come? Salvando il consumo, anzi consumandolo ancora di più e lasciando trasparire il castagno sotto al colore ocra. Questi portoni antichi, per arredare, non devono essere restaurati perfettamente come si faceva una volta spendendo molto, adesso regna il materico, il rispetto e l’esaltazione della materia, l’evidenziazione dei segni del tempo, mettere in risalto il consumo in quanto valore aggiunto!

Portone nato originariamente come scorrevole

Sabato per esempio Maddalena ed Hector da Verona, inaspettatamente dopo essere già venuti a vedere i miei portoni antichi per arredare interni, sono tornati ed hanno puntato su questo portone esterno antico materico in castagno(che vedete sotto)che separerà zona living-taverna moderna, dal bagno. Da allungare e restaurare nel modo più conservativo possibile tanto da voler mantenere anche qualche sfumatura di colore rosso consumato ed usurato, tracce della vernice antica che da tempo è sparita.

Portoncino toscano arrederà interno

Oppure ancora il portoncino antico sardo nato ed usato solo all’esterno per anni, quì sotto, che Irene e Massimo dalla Sardegna mi faranno restaurare in modo materico ed esasperatamente conservativo di tutto ciò che gli appartiene oggi e vedete, per chiuderci come porta scorrevole il bagno.

Portoncino antico sardo diventa porta interna di un bagno

Quì sotto vedete il portoncino antico fatto a mano ed usato per tanto tempo all’esterno, di Maddalena ed Hector, che avete già visto sopra, e che appare dopo il restauro conservativo al massimo e che arrederà la Loro taverna a chiusura di un bagno.  

L'Antico portoncino toscano fatto a mano restaurato

Un altro esempio? Questo quì sotto è un altro portoncino antico restaurato e usato per dividere la zona living dalla zona notte.

Portone restaurato ed ambientato

 

Questa tendenza al mantenimento dei segni, al non perfettismo, fà sì che il loro restauro così conservativo costi molto meno di un restauro classico. Sono portoni antichi consumati, uno più originale e primitivo dell’altro, restaurati con un Know-how di restauro specialistico che pone al primo posto il restauro naturale cioè realizzato con sostanze naturali. Voi dovete solo voler osare per arredare, abbattere il convenzionale e personalizzare, ed arrederete! Io se vorrete Vi darò i consigli necessari. Altro esempio? Benchè sarà montato(così come è stato usato per molto tempo) all’esterno, poteva anche essere usato all’interno questo portone antico, per dividere ed allacciare una cucina ed una zona living. Il suo restauro è stato un restauro esasperatamente conservativo tanto da difendere la finitura esterna cioè la coloritura originaria di colore marrone usurata e parziale.

Portone antico restaurato matericamente

Antico portone restaurato secondo tendenza

Un ulteriore esempio? Questo, altro portone vecchio di cantina nato ed usato per anni all’esterno come portone di cantina, ma che sarebbe pregevole per arredare un interno di tendenza; avrebbe anche tanto ferro come materia costituente che saprebbe tanto di materico e di stile industriale.

Portone di cantina restaurato

Un vecchio portone di cantina restaurato conservativamente

Volete vedere un altro esempio di portone antico materico, da inserire in soggiorno minimalista moderno? Questo è solo materia essenziale, corroso e dilavato dal tempo che col suo colore verde deformato naturalmente, può arredare tra cucina e zona living; sembra coperto di vegetazione ed è da restaurare con delicatezza senza modificare nulla, solo pulito profondamente e fissato conservando tutto, eventualmente allungato.

Portone antico toscano

Portone antico toscano per arredamento interni

Un altro portone antico rustico toscano nato ed usato all’esterno per secoli e che restaurato con un restauro esasperatamente conservativo tornerà ad arredare un esterno, ma come scorrevole a Forte dei Marmi. Direte…ma scorrevole Vittorio all’esterno? Sì davanti ad una struttura metallica di metallo e vetro che conterrà il suo portone a taglio termico, il nostro portoncino antico restaurato arrederà l’esterno tra struttura metallo e vetro ed una pergola. Insomma la sua funzione sarà esclusivamente, da scorrevole, arredativa della casa e del giardino, idea lodevole di Simona una brava arredatrice.

Portone antico rustico

Un portoncino antico rustico toscano restaurato

 

Potrete leggere altro e vedere altre foto nella galleria specifica dei Portoni e portoncini esterni antichi per arredare interni