Torna a PORTONI ANTICHI

PO014 PORTONI ANTICHI ARREDAMENTO INTERNI

Sono antichi portoni rustici, alcuni toscani e per molti sono e sarebbero da cacciare via perchè consumati e solcati in modo estremo; per altri invece restaurati avranno un sapore esclusivo e saranno molto arredativi anche e sopratutto in un contesto moderno magari usati come portoni scorrevoli. Immaginateli come porte interne, per esempio come porte di una cucina che da’ su una sala…Vedere per credere, guardate questo  portone antico(molto simile a questi per lo stato di conservazione iniziale).

1) Questo lo vedete anche restaurato nelle foto successive, e restaurato così come lo ha voluto il cliente, cioè un restauro che non lasciasse intravedere che è stato restaurato. La finitura ha previsto il non usare vernici o patinature a gommalacca, è stato sbiancato, al naturale, ed alla fine solo cera d’api vergine senza solventi. Il portone che vedete restaurato è stato usato come chiusura di una nicchia murale in cucina, come fosse  una credenza a muro, è collocato in un “fienile” restaurato nel quale gli intonaci, murature ed i pavimenti sono tutti realizzati solo con terra cruda(argilla cruda). Immaginatelo come porta antica scorrevole…

2) In questa foto potete vedere un altro portoncino antico, molto consumato, solcato dall’acqua e usurato dagli ultravioletti, anche questo, restaurato, potrebbe arredare in modo delizioso. Misure 84×182(potrà essere allungato alla misura desiderata). Questo portoncino è utilizzabile anche come portone scorrevole, come un portone da granaio, sia per chiudere un passaggio tra due vani, che per chiudere una nicchia murale.

3) Un terzo portone antico esterno è stato aggiunto in questa galleria perché assomiglia agli altri due, è consumato in modo estremo come gli altri; è un portone antico del ‘ 600, molto usurato, di esclusivo sapore, centinato(con arco in alto), con i chiodi a vista autentici fatti a mano(le cosiddette ferle) e lo vedete dapprima ancora da restaurare e da  allungare. Nelle foto successive lo vedete allungato, finito, restaurato col catenaccio enorme spostato da dietro a davanti e bene in vista. Nelle successive è visibile collocato splendidamente in un’interno.

E’ stato lasciato il più possibile così com’era, senza spogliarlo della sua patina e del suo vestito, sarà un gioiello unico anche in contesti arredativi giovani, di tendenza, tipo easy o informale.

4) Altro portone antico, usurato, consumato dal tempo, in castagno, può essere allungato a piacere e restaurato senza modificarne troppo l’aspetto(anche mantenendo i colori originali così esclusivi e naturali) e può divenire oggetto estremamente arredativo sopratutto in un contesto moderno e di tendenza. E’ uno shabby naturale! Misure attuali 99×186. Questo portoncino è utilizzabile anche come portone scorrevole sia per chiudere un passaggio tra due vani, che per chiudere una nicchia murale.

5) Portoncino antico, in castagno, con questo splendido colore naturale ottenuto per consumo del colore originale da ultravioletti e dalle intemperie; restaurato mantenendolo il più possibile così, potrebbe arredare un’ambiente di tendenza come porta di una cucina. Misure 104,5×201(eventualmente allungabile). Un vero Shabby Chic naturale…Questo portoncino è utilizzabile anche come portone scorrevole sia per chiudere un passaggio tra due vani, che per chiudere una nicchia murale.

6) Piccolo portoncino antico, da restaurare; date le misure potrebbe anche celare una piccola nicchia murale. E’  allungabile, misure 73,5×184. Questo portoncino è utilizzabile anche come portone scorrevole sia per chiudere un passaggio tra due vani, che per chiudere una nicchia murale.

7) Altro portoncino antico contadino, molto consumato, in castagno; restaurato avrà un valore arredativo esclusivo. E’ allungabile, misure 182×97. Questo portoncino è utilizzabile anche come portone scorrevole sia per chiudere un passaggio tra due vani, che per chiudere una nicchia murale.

8)Altro splendido portone nato per l’esterno, ma che dovrebbe solo essere collocato negli interni…Lo chiamerei “S.F.E.”, semplice, forte, elegante. Semplice, perchè senza fronzoli, un tipico portone modenese, un Salvator Rosa tipicamente bolognese o reggiano, ma più sobrio, semplificato, meno Barocco, senza quella cornice aggettante che caratterizza il Salvator Rosa.. Forte, perché tutto in noce nazionale all’esterno, con spessore della sola noce di 5,2 cm. e con le tavole posteriori di larice dello spessore di 4,4 cm. per un totale di 9,6 cm !(incredibile spessore!). Elegante sì, perchè bello, quel bello che collocato ed ambientato in un’interno non sarà notato, ma ricordato. L’Unica sorpresa le poche borchie forgiate(o fucinate) a forma piramidale una diversa dall’altra. Questo portone è utilizzabile anche come portone scorrevole sia per chiudere un passaggio tra due vani, che per chiudere una nicchia murale.

Le misure(anche se allungabile) sono 106,6 x 190

9) Altra antica porta in patina! un’altra porta del ‘ 600 usurata, consumata, logorata dal tempo, che arreda col contrasto, ed è se stessa…

Collocata a stretto contatto col nuovo moderno, tecnico e minimalista e come porta antica scorrevole, chiude un’antibagno ed ha un design unico. Nel restauro ho provveduto a rispettare ogni segno del tempo, ogni mancanza, anche le toppe precedenti realizzate in lamiera, pur di non aggiungere ne togliere nulla e non farla diventare diversa. E se volete vederne questo è un altro portone vecchio inserito in contesto modernissimo di tendenza.

Per ulteriori informazioni sull’uso di porte e portoni vecchi ed antichi come scorrevoli e relativo kit, vedi la pagina “Cosa Vi Consiglio” ai punti 17-18-19-20-21-22-23-24.

10) Due antiche porte di cella di prigione con spioncino prima del restauro e disponibili alla vendita, misure 80 x 169(allungabili) ed una con cardini a destra e l’altra con cardini a sinistra; se volete potete vedere come queste porte rustiche da cella restaurate diventino.

11) Antico portone a tre battenti dell’800 pieghevole(apertura di 2 battenti a libro ed uno fisso); questo è il portone da granaio o stalla, che signore, signorine ed architetti vogliono attualmente inserire in contesti di interior design minimal e industrial style e magari anche  come scorrevole raso muro esterno. Visto che la tendenza attuale prevede colori e materiali il più possibili legati alla terra ed alla natura, il portone si desidera mantenga, anzi si evidenzino, le mancanze, senza minimamente aggiungere nulla se non una lieve e delicata asportazione di un pò di vernice nei punti in cui già dovrebbe mancare se non fosse stato trattato con grande cura; gli U.V. hanno fatto misteriosamente l’artisticità del colore così vario come il cielo o come un’arcobaleno. Misure 146 x 228, ma accorciabile. Venduto a Roberta e Walter, guide di Roma, per arredare l’interno della loro casa.

12) Un antico portone contadino consumato dal tempo, dall’acqua, dal vento e dalla luce, ma che proprio perchè consumato ha un sapore unico; solo il percorso magico di questi 4 elementi può trasformarlo così e renderlo affascinante. Noi non siamo capaci di creare queste opere d’arte che trasumano di ricordi…Possiamo però farli rivivere e ci vuole poco; in un interno dall’arredamento moderno essenziale e in contrasto con lo stesso, collochiamo lui unico oggetto emotivamente caldo. Inseriamo il portone, restaurato senza abbellimenti, ed allo stesso tempo in linea col contesto proseguiamo con qualcosa che è anche e sopratutto minimale e minimo come niente altro.

 

Ulteriori informazioni semplici e complete  sul mio kit che serve a trasformare qualsiasi porta vecchia o antica o portone in porta scorrevole potete averle in questa pagina ai punti 17/18/19/20/21/22/23/24 del paragrafo che ha per titolo 

COME RIUSO PORTE, PORTONI VECCHI ED ANTICHI, ANTE ED ANTINE ?